Quando scadono i crediti?

Quando scadono i crediti?

Una domanda, del tutto legittima e che spesso ci si pone, è: “Quando scadono i crediti? o meglio, “Esiste un termine massimo per la riscossione del credito?”
Probabilmente è un dubbio che sorge spontaneo quando è già passato del tempo e non si è ancora provveduto a riscuotere quanto dovuto.

In questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza in merito.

Innanzitutto va specificato che il processo di recupero del credito si avvia quando un soggetto (creditore) ha un credito nei confronti di un altro soggetto (debitore).

A differenza del diamante, un creditore non è per sempre. I crediti hanno una data di scadenza, un po’ come i beni di genere alimentare.
Dunque, il creditore deve stare attento ai tempi di prescrizione dei crediti, se non vuole dire addio alla possibilità di ottenerne la riscossione e perdere i soldi che vanta nei confronti del debitore.

Quando scadono i crediti?

La legge sancisce i tempi massimi entro i quali richiedere il pagamento di un credito.
Entro questi termini il creditore può richiedere il loro pagamento e rivolgersi ad SOS RECUPERO CREDITI, una società di avvocati leader in Italia nel settore dei recupero crediti stragiudiziale e giudiziale, in cui ogni fase del recupero crediti verrà gestita da un avvocato abilitato.

In linea generale, i diritti di credito si prescrivono in 10 anni dal giorno in cui il credito è sorto.

Ma per alcune tipologie di credito la legge prevede dei termini inferiori, più stringenti.

Quali sono le ipotesi più comuni?

1) in 5 anni: gli affitti per la locazione di immobili, i crediti previdenziali, le somme per il risarcimento danni (salvo inadempimenti contrattuali), gli interessi, i crediti per la cessazione di un rapporto di lavoro;

2) in
3 anni: le retribuzioni per l’attività lavorativa superiore al mese, i diritti dei prestatori di lavoro;

3) in
2 anni: crediti derivanti da contratti di assicurazione, crediti per sinistri stradali (salvo si verifichino lesioni personali o decesso);

4) in
1 anno: diritti derivanti da contratti di spedizione, trasporto (per quelli extra UE la prescrizione è di 18 mesi), il diritto al pagamento delle rate dei premi assicurativi, i crediti dei commercianti per merce venduta a soggetti non commercianti, il credito del mediatore per la provvigione.

È importante che il creditore si attivi subito per far valere i suoi diritti e non vederli svanire? SI!

E per questo SOS RECUPERO CREDITI si impegna ad ottenere il recupero del vostro credito in tempi brevi e con costi ridotti, garantendo un alta qualità del servizio grazie ai nostri avvocati esperti del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
WhatsApp chat